Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2020

Il gioco dei significati

Il vero e unico modo per essere fedeli ai nostri maestri è quello di tradirli; non c'è altro modo per renderli vivi. Perché o li si tradisce e li si trasforma, o li si rende per rigore filologico, morti ritratti di un tempo che fu.
Modo che non tiene conto di cosa sia il pensiero, come delle sue operazioni.
In sostanza, non esiste una verità che non sia tradimento.
Il credere che la verità di un testo sia quella che riluce dal collocarlo nel proprio tempo, è pura illusione. Può essere interessante cercare di capire i motivi per cui un testo è nato, e da quali suggestioni ed esigenze, ma da filosofo-pensatore, non posso che vedere in questo, unicamente un primo passo, seppur importantissimo, verso la rinascita di un testo in pensiero. Fermarsi al senso storico di un'opera, vuol dire condannarla a morte, perché il filosofo, e in generale chi scrive "in grande", non si rivolge che al tempo propizio al suo messaggio, che nessuno sa quale sia, e se mai ci sarà.
Lo scritto, pr…

Pensieri su di un saggio di citazioni

Da tempo vorrei scrivere un saggio di citazioni, un testo in cui il dire sia insieme ridire e riformare, dove poter, attraverso le parole de i miei autori, pagare il debito alla storia, universale o personale che sia. Un testo quindi dove far tributi e compiere doveri, in cui avvalendomi di una teoria-biografia, e utilizzando materiale non originale (frasi edite, famose e meno frequentate), poter mettere insieme e assemblare quel che in conformità al proprio tempo, da sempre, ogni filosofo ha donato e preparato: un contributo esistenziale. La mia teoria-biografia non sarà costituita da descrizioni e aneddoti, ma sarà una raccolta di pensieri, di ciò che mi ha formato, mi forma e mi spinge a (s)formarmi: sarà la storia della mia (de)formazione, dove la forma non è da intendersi che come il processo dell'esistere e dell'avanzare, non riguardante per necessità il mentale. Allora il testo non potrà dire che: sono questo, vengo da qui, e vado: sintesi del prima, dell'ora e barl…